Tratto da "Smemoranda DIRE FARE BACIARE" del Agosto 1996

Fare LETTURE



OUTLANDOS D'AmOUR
I'M FEELING SUUUUUUPERSONIC

(e capace di imprese inedite sia in circostanze qualunque che nel patinato)


Resto inkkkazzato tutto il pomeriggio a pensare ai tuoi magri saluti, al te che ti accorgi di me waiting for you e preferisci girare lo sguardo, accelerare, tentare il dribbling. Troppo per non pensare che in tutto questo il caso non ha ruolo e tutto e' studiato. O improvvisato. Ancora meglio. Tutto un discorso jazz dietro.
Ho una specie di foto di te e Anna che vi allontanate - cappotti neri analoghi, analoga capacita' di parlare di un cazzo, anche se qualcuno lo fa per banalita' metafisica e qualcun altro per arte - sotto il portico dentistico di via San Vitale; e troppo mi ricorda quando mi prendi sotto braccio e io fiero & felice faccio il giullare e si cammina vicini sotto portici o per piazze o (strano pensare che si e' fuori da un libro, a volte). Dall'altra parte, io. Oh, Me. Oh, Me. Oh, Me.
Sono scemo? Sono simpatico? Ho un paio di adidas? Ho gli occhi marroni e d'estate a volte verdi scuri. Ho una biblioteca franata in testa e un rave party nel fegato, (in questo momento sei a lezione, centodieci bruchi seduti alle tue spalle ognuno un cervellino grande come una caccola con dentro latesinadigrandi wimwenders fidanzatoa vaghipensierietici tabucchi masturbazionirriferibili nullipensieriestetici cantautori. Se ti guardano bene alle spalle notano l'elastico del reggiseno sotto la camicia la tua calligrafia imbranata sui fogli di appunti e, se ti giri di fianco per parlare, capiscono come il concept sia perfetto, il kombinat corpo umano cappotto sciarpa borsa di cuoio, prodigi della semiotica femminile) eeeeh.
Quei film di cui tutti intorno a te sono irrimediabilmente entusiasti. E a te' dico, a te non e' che non siano piaciuti. Proprio cosi', ti si sono spenti addosso. Mi emozioni, babe, mi emozioni quando ti vedo e quando giri a piedi nudi per casa tua. E io non capisco se sono Sean Connery o Sganapino. Beh, probabilmente nessuno dei due, e cosi' e' ancora piu' difficile. I need tu be myself. Si', ma quale? Cosi' siamo da capo.
Poi adesso e' di nuovo mattina
presentazione nel culo della pianura padana, sul triplo punto di confine veneto lombardia emilia, ma c'e' un gruppo di ragazzi simpatici e bravi Gioventu' Sonica si chiamano e tutto e' andato per il meglio e proiettavano the Great Rock'n Roll Swindle e io dicevo le cose spiritose e un po' sagge. Che mi contraddistinguono.
Ole' Ole'. Uno vestito tutto fighettino con cui parlavo di rock e ogni tre parole diceva Diopovero.
Mi hanno mandato la copertina di Frusciante versione Baldini & Kastoldi (gia', pubblico con una casa italo-ungherese, adesso), e' bellissima, un disegno anni dieci di una bici lanciata a tutta velocita' senza nessun ciclista a bordo e sullo sfondo un muro con la scritta giamburraschesca JFEUDG. E sul cielo nero, piccola striscia in alto, il nome del Tuo affezionato.
Tutti hanno paura di farsi vedere vulnerabili, questo mi fa abbastanza cagare; di piu': ecco cosa mi fa veramente cagate. La bellezza, e' un'unione imprendibile di perfezione e cadute piu' o meno laterali; la bellezza delle ragazze e quella delle situazioni esistenziali e quella delle citta', per intenderci. Forse diresti che l'osservatore deve scoprire la vulnerabilita' e da li' effettivamente nasce la bellezza, e io mi copro il capo di cenere, mangio un gelato fruttamistapanna e sono d'accordo solo in parte. E' una specie di gioco (e' IL gioco, se mi permetti uno sbandamento naif, molto piu' della laurea e del cinema e del baretto): come corrersi dietro con curve e sbandamenti e l'arbitro che urla CAMBIO! ogni nove secondi e quando si sente cambio! si sa che l'inseguitore diventa inseguito e via dicendo.
Comunque per dimostrarti quanto sono maturo mi e' appena venuto in mente che pagherei pegni immensi per andare a fare, veramente questo gioco con te ai giardini Margherita, si pane in vespa con qualche birretta e magari toast in un cestino DIO I PICNIC IO LI ADORO I PICNIC vero che un giorno lo facciamo? eh, vero? dai, ti va? magari invece di noleggiare un arbitro io sto sempre a guardare l'orologio sono un giocatore motto leale; questo si sara' capito almeno

la voce di Federico Fiumani dei Diaframma (ioamolei, non la realta' che le sta intorno, non gli altri nomini che ha avuto), magistrale conduzione di questa manina in pigiama e computer e telefonate solo ricevute almeno in queste parti, qando dice

- In perfetta so-oli-tu-dine'; con ritmo western accelerato
- in questa atmosfera che e' cosi' priva di felicita'; gia' un classico, lo ascoltavo in interrail
- Quando il resto e' tempesta, quasi lui dicesse alla ragazza diventa la quiete quando il resto e' tempesta, cosa che mi pare un'osservazione molto bella, una frase che mi sarebbe piaciuto molto inventare
- Bbbblu bbbblu petrolio, il pezzo che mi piace di piu' in absolut
E NON FACCIO IN TEMPO A SCRIVERLO CHE

- Palla di burro, palla di burro, l'amore e' dentro una palla di burro cosa faresti palla di burro se il mondo fosse un momento di gelo.

E comunque in tutto questo corrersi dietro se uno e' troppo piu' veloce dell'altro e' meglio che rallenti, perche' quando si urla CAMBIO rischia di trovarsi cosi' lontano (e ci si e' spinto lui, non so se) che col cavolo che lo riprende l'ex volpe ora lepre delle nevi lontanissima kilometri altre amicizie sogni delegati ad altri gelati altri vini altre sigarette e se penso ai tuoi ho malesseri inediti e meta' dico ma pensiamo un poco la bambina cosa potrebbe aver combinato e meta' svengo all'idea e mi rifugio nel mio network di telefonate mooolto rassicuranti che mi lasciano a fine serata un po' piu' sicuro di me e invariabilmente alcool, che due coglioni bere in questo modo un po' esibito. Sento una al telefono, quando si dice sfruttare le situazioni, piu' o meno ne vuole (categoria estensibile all'infinito, e per chiunque, basta non dare ragioni di malessere e sembrare monoliticamente certi che questa persona ne deve volere da te; coi poveri di spirito ha sempre funzionato in modo preoccupante) venerdi' ha un esame ESTETICA cristo che cazzo capira' di estetica una cosi' dio fulminali perche' sanno troppo bene quello che fanno. Praticamente la mia medicina. Uscire con te sciaquette. Spesso crollo a meta', non lo nascondo. Poi dicono alle amiche sai mi sono fatta una storia con, e non e' che io mi penta, vorrei anche le amiche, il mio desiderio di essere rassicuraro tramite disponibilita' femminili ha come unico confine la morte, probabilmente non e' vero, devo riflettere; non ora, comunque.
E oggi pomeriggio o magari domani ti vedo, manteniamo rapporti formali e ammicchiamo in modo cosi' d'elite che non capiamo bene neanche noi cosa vogliamo fare. All'insegna dell'understatement. Potresti aprire un pub o un albergo con questo nome. La gente sta li', non si capisce cosa voglia, tu non gli dici un cazzo, ogni tanto si beve qualcosa. si guarda tivu' e bei film, magari dai le chiavi delle stanze o fai portare da mangiare senza troppo impegno.
un delirio.
WHATEVER I CHOOSE
indosso il mio costume da cinghiale.
Criiiisto Ho ottimi sentimenti & intenzioni nei tuoi confronti, servira' a qualcosa compiere un gesto cosi' clamoroso e ottocentesco? I Nirvana acustici, cosa non sono?
In attesa di altri pomeriggi che digradano dolcemente verso sere sceme, o viceversa.
Con tutta la passione degli irresponsabili,

ENRICO



pagina principale