Falsa Partenza
(incipit abolito per Lennon Guevara Bugatti)

Soundtrack consigliato: These Boots Are Made For Walking (the Meteors)



Ammetto di condividere, o nobili cavalieri, i pregiudizi su certi discorsi pubblici tenuti dagli ubriachi.
Mi capita spesso di passare serate molto noiose, semifranato sul bancone mentre qualcuno di cui disapprovo l'autoindulgenza e la squadra del cuore insiste rumorosamente per espormi esclusive teorie sulla fica, formule alchemiche, metodi sicuri per il lotto e tresche golpiste che rischierebbero, altrimenti, di passare inosservate.
Penso solo a quante ne ho sentite stasera. All'Andy Capp Pub ho saputo in anteprima mondiale del complotto di Rosy Bindi e Formigoni per creare il granducato di Lodi, Fiorenzuola e Piacenza con l'appoggio della guardia forestale. Molti bicchieri piu' tardi, il cameriere biondo del Barrio Colombiano mi ha offerto l'ultima marlboro del pacchetto e il sesto daiquiri, mi ha preso da parte con tutte le losche cautele del confidente. Quando ha sussurrato: "Si tratta di un affare delicato", ho capito di che morte andavo a morire. Quel biondino debole di nervi ha parlato incredibilmente a lungo. Aveva una dizione talmente ingolfata, ricordi cosi' scomposti, che dopo un'ora non si era ancora capito bene chi fosse accorso in aiuto di chi spaccando quella benedetta sedia sulle spalle del suo amico Taurus. Il fatto sta che il bastardo (?) era venuto proprio li', se ne stava seduto con sette-otto amici al tavolo grande. Il fatto e' che bisognava dargli una lezione. Subito. Con una certo zacagno colombiano che aveva di la', in cucina. "Bravo, vecchio", gli ho detto. "Vuoi accoltellare un uomo seduto con sette-otto amici dentro il tuo locale. mi sembra decisamente un'ottima idea". Uscendo, ridacchiavo. Sapevo che il biondino era un gran appassionato di Pulp Fiction, ed era facile pensarlo nei panni di un Bruce Willis molto meno deciso mentre avanza, lama sguainata, verso il suo destino di vendetta.
Condivido, o nobili cavalieri, i pregiudizi sui discorsi degli ubriachi, ma il fatto e' che stasera sono ubriaco anch'io. mi si riconosca fattispecie attenuante che non coinvolgo nessuno nelle mie farneticazioni aberranti: gia' da tempo ho lasciato il Barrio Colombiano e ho tampoco salutato gli amici del Torello Inn, dove mi e' stato servito il drink della casa a mo' di bicchiere della staffa. Questa non e' una concione pubblica rivolta a attizzare chissa' quali bassi interessi.
Sono solo.
Sono solo un ubriaco che cerca la via di casa.
Il fatto e' che mi va di teorizzare sulla fica.
E sull'assillante ripetersi di certi schemi.