Tratto da il "Corriere della sera" del 9 Aprile 1997




Noi rifiutiamo le etichette


"Buon lavoro, buffoni". Non e' andato per il sottile con la Rai Enrico Brizzi, 22 anni, autore del libro "Jack Frusciante e' uscito dal gruppo". Brizzi doveva essere il consulente per la scrittura e la musica di Supergiovani, "...poi - racconta - un mese fa, quando ho visto che la trasmissione stava prendendo una piega che non mi piaceva, ho lasciato perdere. Doveva essere un contenitore alla Mtv, organizzato da Felice Kappa, autore della "Smemoranda" con un gruppo di amici, ma e' cambiato tutto. Ora non so cosa sara', se meglio o peggio". Al di la' delle polemiche, sul rapporto tv-giovani, Brizzi commenta: "Credo che i giovani non abbiano interesse per la tv come per molte altre cose piu' importanti. La tv cerca di indagare". Ma le piace l'idea di una tv giovane, per giovani? "No, mi da' l'idea della maestra d'appoggio. Non ne posso piu' di essere chiamato il giovane scrittore. Personalmente, sono molto pió incuriosito da altre eta'".
Lei guarda "Amici"? "Si', mi diverte soprattutto per le paroline carine che ci sono in studio. Certo che quei ragazzi sono molto piu' conservatori dei genitori. Ma soltanto quelli di "Amici", credo".

(m.vo.)